LE MEDICINE DELLA FORESTA

 

Giovedì 12 Dicembre ore 20.

CONFERENZA GRATUITA

A cura di Adriano Parmigiani.

Si racconta che, in un tempo lontano, tutti gli Animali parlassero la stessa lingua, e che anche l’Uomo facesse parte di questo Cerchio.

Nessuno sa con esattezza cosa accadde, ma certo fu rotto un equilibrio, e i Piani vennero sfalsati: si crearono Livelli, e non tutti mantennero la capacità di scivolare da uno all’altro, anche solo per andare a Rendere Onore ai Parenti.

Sono tuttavia rimaste Tracce della presenza di passaggi da una Realtà all’altra, ed ogni Tradizione ne conserva e ne tramanda la Conoscenza.

La Ruota di Medicina dei Nativi Nordamericani è uno scrigno che racchiude in sè molte realtà, e per ognuna che si apre altre si lasciano intravedere: è un percorso che può portare lontano, sui sentieri della Percezione e dell’Impeccabilità. 

Altre tracce affiorano nella Foresta Amazzonica, in differenti forme e con una lingua apparentemente diversa: sono strettamente connesse con le Piante, con gli Animali e con la Terra.

Piante ed Animali di Medicina sono considerati Insegnanti, e molte popolazioni indigene affermano che Madre Terra parli agli Umani attraverso di essi.

AYAHUASCA

Fra tutte le piante sacre, è considerata Pianta Maestra: insegna a guarire. L’incontro con lo Spirito dell’ayahuasca è veicolo per un ritorno a se stessi, alla realtà separata, dimenticata o rimossa, che ci appartiene. Da millenni le popolazioni native dell’Amazzonia usano il sacro decotto per sviluppare Comprensione, sia essa riguardante le malattie del corpo, dell’anima o il contatto con lo Spirito.

SAPO 

Una Rana della Foresta regala il suo Potere attraverso la secrezione della pelle, e da tempo immemorabile i nativi la usano per accrescere la propria energia e capacità di focalizzare, per guarirsi e proteggersi: viene comunemente denominata Kambo, ma i nativi Matsès la definiscono semplicemente Sapo. La Cerimonia di Purificazione del Sapo è profonda, potente e gentile: il Potere della Rana è usato per eliminare le tossine che ostacolano il Cammino.

RAPE’

La medicina gemella del sapo è il rapè, una mistura di tabacco selvatico e altre erbe, che variano a seconda della zona di preparazione: il rapè, oltre ad essere una forma di purificazione, viene usato dai curanderos amazzonici per bilanciare le proprie energie e per favorire la Connessione.

GUAYUSA 

La guayusa è una pianta medicinale dell’Amazzonia. Nella cultura kichwa, l’ora della guayusa costituisce un momento importante per l’armonia familiare: si ascoltano e interpretano i sogni dei familiari, si condividono narrazioni e miti.

PROGRAMMA DELLA SERATA

 

La serata inizierà con “Un palmo di Luce”, performance di Bianca Luna Nuvola Parmigiani.

A seguire la conferenza tenuta da Adriano Parmigiani e la presentazione del progetto “La Cuya”.

Durante la serata verrà servita la Guayusa, bevanda tradizionale kichwa. 

L’ingresso è libero; a fine serata sarà ben accetto qualunque tipo di offerta per il progetto in Ecuador.

 

INFO

 

Prenota il tuo posto chiamando il 347 119 4885.

L’evento è gratuito per i Soci di Namaskar.

IL RELATORE

Adriano Parmigiani, dopo aver vissuto in Oriente alla fine degli anni 70 ed aver praticato Aikido e Tai Chi diviene terapista e, in seguito, insegnante professionale di Shiatsu. È stato fondatore e presidente di associazioni culturali a Milano, Brescia e Savona; membro del Direttivo della Federazione Italiana Shiatsu e cofondatore della Associazione Professionale Operatori Shiatsu. All’inizio degli anni ’90 inserisce la Floriterapia di E. Bach fra i propri strumenti e, contemporaneamente, inizia una frequentazione con Uomini e Donne di Medicina, nativi e non. Nel 1996 pubblica ‘La Ruota dei Fiori“, ovvero la Floriterapia vista attraverso la Ruota di Medicina dei Nativi NordAmericani. Nel 2008 esce ‘La Ruota della Creatività‘, un percorso per recuperare il Sogno. Nel 2014 dà alle stampe ‘Topo che Salta e altre favole‘ Viaggi e viaggiatori in cerca. Nel 2017 esce ‘Rusty Jack‘, un percorso di iniziazione maschile sulla Via del Guerriero.

È conduttore di gruppi di Meditazione e Percorsi di Ricerca, che propone in varie forme; ama il Tamburo , che costruisce e insegna a costruire, e frequenta il rituale della Sweat Lodge. E’ facilitatore di Kambo/Sapo e Nu-nu, diplomato alla International School of Sapo Pratictioners, Joshua, Texas. Attualmente si reca diverse volte all’anno in Ecuador, dove lavora, con sciamani kichwa, sui rituali dell’Ayahuasca.

Vive con la sua famiglia nelle Langhe Liguri, dove alleva api e cavalli. Adriano nasce Cervo, della Tribù della Farfalla, sotto il segno dei Gemelli, Serpente d’Acqua secondo l’Astrologia Cinese. Condivide la propria esperienza in conferenze e seminari, ove venga richiesto.

Share This